.
Annunci online

  ghezzichristian L'arte vola attorno alla verità
 
Diario
 


Come dice Péguy
"Una parola non è la stessa in uno scrittore e in un altro. Uno se la strappa dalle viscere, l'altro la tira fuori dalla tasca del soprabito"

Come dice il motto di Viaggialibro
"gira e rigira non è soltanto un libro".
Forse è per questo che ogni pagina ci lascia qualcosa dentro, ci rende più ricchi, ci rende qualcuno con qualcosa in più...

Ho finito di leggere "Io sono di legno" di Giulia Carcasi. mi sa che dal 12 di febbraio troverete una recensione sul sito di Viaggialibro... per ora posso solo dirvi che è scritto veramente bene...


Finito un libro se ne inizia un altro! "Il cacciatore di aquiloni" di Khaled Hosseini... ambientato a Kabul. la storia di un ragazzo che diventa uomo nell'intreccio di un presente accerchiato dal ricordo di un passato difficile da accettare... vediamo come va avanti... per ora sono a metà! FINITO!!!! è fantastico... l'ultimo respiro ti rimane in gola, non lo butti fuori più se non immaginando una continuazione...

ero in treno... e indovinate un po'? ho iniziato a leggere un libro... che novità direte voi... "La ricerca della felicità"... sì, proprio quello da cui è stato tratto il film... vedremo. poi dovrò vedere il film...




http://www.viaggialibro.it


31 gennaio 2007

ci risiamo...

ci risiamo. è sempre la stessa storia. tu progetti una cosa e all'improvviso, il "caso" ti mette un'altra carta in tavola, quella che prima cercavi ma che ora avevi deciso di non cercare... insomma. sempre l'opposto di quello che si è deciso arriva a bussare alla porta! e non ce n'è! ieri avevo deciso di continuare gl studi declinando una possibile occasione di lavoro. "niente colloquio" mi ero detto. bene. primo pomeriggio arriva la telefonata di stèph, amico e con uno strano lavoro da direttore commerciale in una società di outsorcing... oggi alle 15 ho un colloquio, non potevo dire di no anche perchè non mi ha detto di che si tratta. sorpresa. e allora ti viene da pensare che a volte la vita sembra proprio prenderti in giro o metterti alla prova. prima ti porta vicino alla confusione assoluta e quando ti sforzi per raggiungere una porta te ne mette una più vicino, solo che è diversa... che casino! anche a voi capitano cose del genere? per ora vi do la buonanotte... a presto... vi farò sapere del mio colloquio...




permalink | inviato da il 31/1/2007 alle 23:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


31 gennaio 2007

guardando il mondo

buongiorno...
solita levataccia mattutina. i primi impegni già accantonati e ora qualche minuto per stare con voi. ieri sera è sceca una nebbia che non vedevo al di là del mio naso... fortuna che è più o meno come quello del Cyrano de Bergerac... centimetro meno, qualche... e anche stamattina la situazione è la stessa. una gran nebbia che non ti fa vedere oltre. facile la similitudine con la vita, il mistero che si cela dietro... ma oggi voglio condividere con voi altro. è cronaca. si susseguono le notizie di omicidi all'interno delle famiglie. incredibile: quello che dovrebbe essere il luogo del riposo, della sicurezza, si trasforma nell'imprevisto che toglie ogni speranza, che toglie la vita. mi chiedo se tutte queste situazioni siano dovute a improvvisi raptus di follia o alla disperazione per situazioni che la vita ti butta in faccia in tutta la sua crudezza, come malattie o morti premature che ti fanno perdere la fiducia nella vita. ma se così fosse: dov'è la società, dove sono gli amici, le persone che ti stanno accanto in queste situazioni? perchè alla fine credo che la disperazione nasca anche dalla solitudine, dal sentirsi abbandonati. e allora si compie il gesto estremo. non lo giustifico, non lo concepisco. è una resa che coinvolge anche chi ancora non si è arreso. al di là del movente rimane un omicidio. spesso plurimo. una volta (spesso si dice questa cosa) non succedevano queste cose, non così spesso. perchè? L'uomo crede di essersi evoluto negli anni. sicuri? ditemi la vostra. aiutiamo a capire e magari a trovare il modo perchè nella nostra vita si prendano sul serio anche situazioni che sono lontane da noi, ma vicine di società. a voi la parola... 




permalink | inviato da il 31/1/2007 alle 8:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


30 gennaio 2007

ricordi nel tempo...

il tempo... scorre senza tregua come un fiume in piena in grado di travolgere impegni, appuntamenti... ma con i ricordi non sempre ci riesce. loro non sono nel tempo. la loro dimora è l'esperienza di un cuore che non dimentica nulla del vero se non con la violenza di chi non si ama. ma ogni giorno è l'occasione per un nuovo gesto, un sorriso, uno sguardo in grado di spalancare le porte dell'infinito in un battito di ciglia. la vita è un'avventura da vivere con il respiro mozzato e il cuore sempre in corsa. se lo arresti sopravvivi. non conviene. il cielo è un lungo abbraccio velato d'azzurro che ci viene dall'alto. i ricordi non si cancellano. ma una cosa è ancora più forte di loro: il momento da vivere, l'attimo che diventa l'urgenza che attanaglia ogni passo. è l'invocazione di restare nel mondo che non si può ignorare. Vivere è così. un'esperienza nuova... ogni giorno.




permalink | inviato da il 30/1/2007 alle 13:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


29 gennaio 2007

si viaggia...

devo uscire. stasera ho una riunione per organizzare i prossimi appuntamenti di Viaggialibro. ma prima volevo lasciarvi qualcosa da leggere, qualcosa che rimanga. la mia giornata di oggi non è così importante, troppo complicata, i soliti alti e bassi. e allora continuiamo il nostro viaggio con Rondoni...
questa volta non mi pronuncio. ma seriamente. aspetto i vostri commenti.


Trovare in casa all'alba abbandonati
i vostri giochi, uno Zorro
trasformato in motociclista
o su un cavallo sproporzionato,

un telefono colorato senza pile
un laccio delle scarpe
o una maglietta che sollevo adagio

è ricevere dal mare della notte
i segni di una terra,
di una riva che dal buio
si sporge al mio naufragio.

                   (da Avrebbe amato chiunque di Davide Rondoni)




permalink | inviato da il 29/1/2007 alle 20:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


29 gennaio 2007

dopo la sera...

sono appena tornato dal lavoro. serata piuttosto tranquilla. i soliti clienti che chiedono troppo ma per il resto tutto ok. il lavoro da cameriere è così: un sorriso sempre pronto. meglio quando non è forzato.
ieri sera una mia amica è venuta a mangiare dove lavoro e mia ha riportato un libro che avevo dato da leggere a sua mamma. "Avrebbe amato chiunque" di Rondoni. un libro di poesia. un libro di parole semplici e quotidiane ma con la forza di raggiungere ilo tormento che sta nel cuore di ogni uomo che non si è ancora arreso davanti alla vita.
mentre mangiavo ho aperto il libro. ho letto la prima poesia. questi alcuni versi...

Voler bene a una persona
è un lungo viaggio - -
[...]
Voler bene a uno, a mille, a tutti
è come tenere la mappa nel vento.
non ci si riesce ma il cuore
me l'hanno messo al centro del petto
per questo alto, meraviglioso fallimento. [...]

che dire? voler bene a tutti è come tenere la mappa nel vento! è impossibile, tutti diciamo immediatamente che è qualcosa di disumano, di impossibile. eppure! eppure è quello che vorrebbe il cuore, che la voce più intima ci chiede in ogni momento: la comunione con l'altro! e infatti, questo cuore, questo posto che continua a mormorare tormento, non lo puoi annullare, non lo puoi neanche ignorare se non ignorando te stesso! e se fallisci nell'impresa non importa perchè sentire il desiderio più intimo, che costituisce noi stessi, eleva già nel mondo della felcità. di una felicità che vedi specchiarsi negli occhi di chi hai di fronte....
buonanotte amici!




permalink | inviato da il 29/1/2007 alle 1:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


28 gennaio 2007

1-0

1-0 . Inzaghi. un inzaghi di altri tempi, l'inzaghi che sotto porta riesce a passare dove gli altri non riescono neanche a mettere un piede. perchè lui è così: un rapinatore d'aria, come dice qualcuno. e in attesa del brasiliano - non Oliveira - ci godiamo solo il risultato e il solito Maldini monumentale, uno che la gamba non la tira indietro mai e che riesce, a 36 anni, a recuperare sui ragazzini di 20 che di fiato in gola dovrebbero averne tanto. ma questa è classe.
1-0 .  e fortuna che la palla al centro non la mettiamo più, almeno per oggi. fino al 90' la tensione attraversa ogni battuta di ciglia perchè temi che in quel frangente possa succedere qualcosa. 3 punti nel cascinale, per la serie quello che conta è il risultato. in attesa del gioco. e magari di un brasiliano vero (Ronaldinho!)




permalink | inviato da il 28/1/2007 alle 17:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


28 gennaio 2007



Prima del viaggio

prima del viaggio si scrutano gli orari,
le coincidenze, le soste, le pernottazioni
e le prenotazioni (di camere con bagno
o doccia, a un letto o due o addirittura un flat);
si consultano
le guide Hachette e quelle dei musei,
si cambiano valute, si dividono
franchi da escudos, rubli da copechi;
prima del viaggio s'informa
qualche amico o parente, si controllano
valige e passaporti, si completa
il corredo, si acquista un supplemento
di lamette da barba, eventualmente
si dà un'occhiata al testamento, pura
scaramanzia perchè i disastri aerei
in percentuale sono nulla;
                                     prima
del viaggio si è tranquilli ma si sospetta che
il saggio non si muova e che il piacere
di ritornare costi uno sproposito.
e poi si parte e tutto è O.K. e tutto
è per il meglio e inutile.

...........................................................................

                                          e ora, che ne sarà
del mio viaggio?
troppo accuratamente l'ho studiato
senza saperne nulla. Un imprevisto
è la sola speranza. ma mi dicono
ch'è una stoltezza dirselo.

                                          (Eugenio Montale)

non commento. vi dico solo che la seconda parte, per me, è uno spettacolo con quell'imprevisto che entra a dominare la scena... a voi i commenti! commentate perchè la poesia ha bisogno di voci, ha bisogno di cuori che stiano attenti alla sua presenza...




permalink | inviato da il 28/1/2007 alle 14:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


28 gennaio 2007

ho sentito...

buona domenica amici del blog.
volevo condividere con voi questa frase, breve, brevissima ma che mi ha colpito molto. una di quelle frasi che io definirei semplici e pungenti. perchè in fondo proprio nella semplicità stanno le cose più vere...

"ascoltare significa sentire con il cuore, e dare al cuore il tempo di comprendere".

la prima parte potrebbe anche essere definita prosastica, in un certo senso retorica... ma la seconda! è quella che mi ha colpito perchè sento che io, e credo buona parte della gente, non si da questo tempo, non se lo impone. tutto all'insegna dell'immediato. ma alla fine cosa rimane? un cuore continuamente segnato dalla fatica e povero di ragioni... no?




permalink | inviato da il 28/1/2007 alle 12:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


28 gennaio 2007

leggere?

... allora, leggete o no?




permalink | inviato da il 28/1/2007 alle 1:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


27 gennaio 2007

leggere?

io leggerei dalla mattina alla sera ma gli impegni richiedono il loro spazio e allora si legge quando si può, e se si vuole il tempo si trova!
che ruolo ha la lettura per voi?




permalink | inviato da il 27/1/2007 alle 17:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia     dicembre   <<  1 | 2 | 3  >>   febbraio
 

 rubriche

Diario
guardando il mondo
uno sguardo poetico
brevi racconti

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

viaggialibro
morgana
talissia
stefania
caffèblog
da leggere...
enzo
2lisa
claudia

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom